Ri-generazioni, recensione della mostra a Nazzano - Rosaria Marracino

Aggiornamento: 21 lug 2021



"Ieri sera sono andata alla mostra di un collettivo di tre donne L’Albero delle Farfalle, di cui una è una mia cara amica. Ho sempre considerato Gisella un'artista. Ci conosciamo da più di venti anni e mi onoro di averla vista all'opera per la prima volta nella libreria dove anch'io curavo per la prima volta il settore e le attività per bambini e ragazzi.

Ha l'arte per le mani. È una cosa cui non resisto.

Ieri sono arrivata a questa mostra cotta dalla giornata romana: poi mi sono sentita come Uma Thurman dopo l'iniezione di John Travolta in Pulp Fiction.

Un'esplosione di energia.

In un anno difficile come questo Gisella e le sue compagne hanno realizzato cinque libri interamente fatti a mano su cinque persone: Tina Modotti, Camille Claudel, Emily Dickinson, Eugenio Montale, e Dino Campana.

Ovviamente in edizione limitata. Un anno di lavoro. Di una bellezza e di una complessità inaudita. Il libro declinato in tutte le sue possibilità, materiche e spirituali.

Avevo seguito le varie fasi sui social ma niente è stato come averli tra le mani.

In lavori come questi c'è l'impegno, lo studio e le passioni di una vita. È un regalo averli realizzati.

Ieri mi hanno chiesto "Quale ti piace di più?" "Tutti".

Se li avrete tra le mani credo lo penserete anche voi, e se avete qualcuno che ama una di queste cinque persone, è il regalo della vita."


Rosaria Marracino (libraia)












46 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti
  • Instagram
  • Facebook